Centovetrine puntata del 14 maggio 2012 – riassunto

centovetrine.gif

Affidandosi alla sempre devota Carmen, disponibile a consolare, aiutare, suggerire e consigliare, Ivan ha scelto l’anello di fidanzamento che vuole regalare a Diana. Non importa se la ragazza non ha ancora risposto alla sua domanda di matrimonio: un diamante è per sempre.

I due giovani sposini hanno deciso di pranzare al Winebar per stare un po’ insieme, lontano dalle incomprensioni che i rispettivi lavori spesso impongono loro. Ma una telefonata mette in fibrillazione Serena: Brando vuole vederla. Cercando di fare in modo che Damiano non sappia chi c’è dall’altra parte del telefono, la Bassani gli promette che lo raggiungerà al più presto. Ma Bauer ha già captato che qualcosa turba la moglie. Infatti a pranzo Serena è nervosa, e Damiano teme che l’indagine in corso sull’aggressione a Sebastian li possa dividere. Per questo ricorda alla commensale che, se entrambi si comporteranno in modo corretto, ciò non potrà mai accadere.

Ci pensa Laura a mettere la pulce nell’orecchio ai due poliziotti incaricati di trovare il fuggitivo. La Beccaria ha infatti riferito a Cecilia che Viola ha incontrato Brando, ma non lo ha denunciato, anche se si è rifiutata di aiutarlo. Allora Brando è ancora a Torino! I due cognati hanno subito una intuizione: solo Serena adesso lo può proteggere. L’avvocato deve essere messo sotto controllo.

A colloquio con Brando, Serena è determinata: “devi costituirti”. E’ questo l’unico modo affinchè lei lo possa assistere. Salani, sapendo di essere l’unico indagato, non ha nessuna intenzione di fidarsi della polizia, ma vuole che Serena lo aiuti a ricostruire tutto quello che è successo il giorno dell’incidente.

Anche se apparentemente Matilda e Ettore sembrano tornati gli amanti di sempre, un grosso ostacolo li divide: i figli. La Herrera, ora che Ferri si sta riavvicinando a Diana, non vuole che a Jacopo vengano addossate tutte le colpe del passato. Sa però che molto la divide da Ettore: lei è una madre e lui un uomo di potere. Questo divario potrebbe però essere superato se il tycoon si impegnasse a garantire al progettista un incarico nella holding. Per lei, questa sarebbe la più grande prova d’amore.

Ancora scossa nell’aver udito la dichiarazione d’amore di Adriano, che corrisponde anche ai suoi ultimi momenti di vita, Carol apprezza le parole di Valerio. Il commissario ammette che all’inizio per lui Riva era solo un arrogante arrivista e imbroglione, ma le sue ultime azioni lo hanno fatto ricredere.

L’editrice di Cento decide allora di dedicare la copertina e un articolo su Adriano. Alla fondazione Ferri sarà devoluto il ricavato delle vendite.

Sta scegliendo le fotografie da pubblicare quando Angela Danesi la chiama al telefono. La donna ha scoperto delle  notizie interessanti sul medico e secondo lei è falso tutto quello che hanno fatto credere a Carol. (A cura di Francis)

Lascia un Commento