Centovetrine puntata del 10 settembre 2012 – riassunto

centovetrine.gif

Enormemente scocciato dall’intrusione di Carol che interrompe sul più bello le sue trattative con Maddalena, Ferri cerca di allontanare l’accusatrice. Non gli sembra certo il momento né il luogo adatto per parlare del delicato argomento. Senza più freni, la Grimani accusa i componenti della Circus di essere dei delinquenti e di essere i responsabili  della morte di Adriano. La Sterling reagisce prontamente: i sospetti di Carol sono infondati.

Purtroppo, come prevedeva Ettore, Maddalena si è offesa e il loro trattato è messo in discussione. Per l’Amministratrice della Circus Carol deve farsi curare, non è più responsabile di quello che dice. Il tycoon, però, rassicura la donna, lui si fida della Circus ed è certo che il matrimonio fra le due holding si farà.

Per l’annuncio della joint venture è stata convocata una conferenza stampa alla quale saranno presenti testate nazionali e internazionali, ma Carol esige che Ettore la accompagni dal commissario Bettini, vuole che le indagini sulla morte del dott. Riva non vengano chiuse, e il tempo stringe. Ora o mai più. Ferri è reticente ma quando l’ex moglie gli rinfaccia che Adriano è morto per salvare la sua vita, alla fine cede. Non è certo felice Maddalena che si vede costretta a rinviare la conferenza. Però prima rinfaccia al nuovo socio: cosa è più importante per lui? Il Gruppo Ferri o Carol? Deve decidersi.

Cena a casa Beccaria, con Valerio e Margot. Laura riempie la stagista di complimenti e prevede per lei un roseo futuro in qualità di giornalista. La scaltra ragazza racconta che prima di entrare nella redazione di Cento ha fatto mille umili mestieri. La madre l’ha abbandonata quando era ancora piccola e sul padre non può contare. Ormai investitasi nella parte di avvocato difensore, Laura le promette che parlerà con Carol, e Danilo verrà ben presto rimesso al suo posto. Il capo redattore è troppo permaloso e la deve smettere di mettere il bastone fra le ruote alle loro iniziative. Inoltre la responsabile dell’inserto di moda – che sembra sempre più la direttrice tuttofare della rivista – ha già fatto versare sul conto corrente della Sironi il pagamento per il “suo” redazionale.

Si rivedono i naufraghi! Serena è apatica, non le interessa più vivere senza Damiano. Brando invece reagisce e vorrebbe che anche la Bassani lo facesse, ma inutilmente. La barca è alla deriva e i soccorsi non arriveranno mai.

Salani le rinfaccia che non è la sola a soffrire, anche lui ha perso la Viola ma non per questo si piange addosso. Serena deve lottare per vivere altrimenti sarebbe stato inutile il sacrificio di Damiano, che ha lottato fino alla morte per salvare la moglie.

Con sgomento, Serena vede Brando strappare l’abito da sposa di Viola ed asciugarsi le lacrime con i brandelli. Ma non è impazzito: i pezzi di stoffa gli servono per riparare lo spinnaker! (A cura di Francis)

Lascia un Commento